Alla corte di mio padre

corteIn questo libro, strutturato come una raccolta di racconti, Isaac B. Singer ci conduce per mano al tribunale rabbinico presieduto dal padre in via Krochmalna 10 a Varsavia.

Dalla porta che conduce allo studio paterno entra gente di ogni specie: fidanzati che vogliono rompere la promessa di matrimonio, anziani che vogliono divorziare, mariti che vogliono ripudiare le mogli sterili, commercianti con dispute economiche in corso, gente che fa domande su cibi puri e impuri, ecc. Di ognuno di essi l’autore ci racconta la storia e ce li descrive così minuziosamente da poterli quasi veder emergere dalle pagine in carne e ossa, con i loro atteggiamenti e le loro posture.

Ma c’è spazio anche per racconti sulla famiglia, sul rapporto tra i genitori, sull’ammirazione verso il fratello maggiore Israel, sui fatti di vita quotidiana, sulle ristrettezze economiche  e sulla presenza ingombrante della religione in casa Singer.

E’ un racconto sulla vita del primo Novecento in Polonia e sulla comunità ebraica, così ricca di tradizioni e di proibizioni.

COSA NE PENSO IO:

All’inizio ho faticato ad entrare in sintonia con questo libro. Si trattava di episodi così slegati cronologicamente l’uno dall’altro, da perdere un po’ il filo del discorso. Ma pian piano mi sono abituata a questa struttura non allineata ai miei gusti personali e ho cominciato ad apprezzare le storie di vita e sulle tradizioni di una comunità religiosa che non conoscevo affatto. Mi sono affezionata a Isaac e ho cominciato a comprendere la diversità di personalità dei genitori, ma anche la loro unità familiare.

Devo dire che poi, dallo scoppio della Grande Guerra, il libro si presenta in modo più unitario, segue gli eventi in ordine di data e si sofferma di più sulle vicende familiari, facendomi piacere molto di più ciò che stavo leggendo. E attraverso gli occhi di bambino di Isaac e la sua gioia nei momenti di libertà, ho conosciuto uno scorcio di vita in un’altra epoca, in un’altra nazione e in un’altra comunità religiosa.

VALUTAZIONE: 9/10

 

Annunci

Lolita

lolitaIl professore Humbert Humbert si trasferisce in una piccola cittadina del New England dove affitta una camera presso l’abitazione della signora Haze, donna sola con una figlia minorenne, ma ancora nel fiore degli anni.

La signora Haze è molto colpita dall’uomo, tanto da innamorarsene ben presto. In realtà ad Humbert non importa niente della propria padrona di casa, egli è letteralmente affascinato dalla piccola Dolores, fresca, giovane, impulsiva e spontanea.

Humbert sa che la sua passione per Lolita è insana e cerca di tenerla a bada a tutti i costi, ma non può tenersi tutto dentro e affida i suoi pensieri ad un diario che tiene ben nascosto. Per non rischiare di trovarsi troppo lontano dalla sua Lola, Humbert decide di sposare la signora Haze, ma lei scopre il diario segreto e minaccia uno scandalo. Fuggendo via di corsa e disperata da casa, viene fatalmente investita e uccisa.

Lolita in quel momento non si trova in casa, ma ad un campo estivo. Humbert decide di raccogliere la palla al balzo, di andare a recuperare la figliastra e di tenerla accanto a sé, lusingandola con un viaggio in luoghi lontani.

E’ così che i due cominciano a girare per gli USA, a trascorrere le notti in hotel o motel ed è lì che si consuma l’inevitabile.

Col tempo il professore diventa sempre più soffocante. Lolita tenta la fuga, approfittando di un ricovero ospedaliero, e scompare per diversi anni. Humbert è sconvolto dall’assenza di Lolita e si accompagna ad una donna problematica, finchè non riceve una lettera dell’ormai cresciuta Lolita, la quale gli chiede aiuto economico e gli rivela di essere sposata e in attesa di un figlio.

Humbert corre dalla sua Lola, ma non riesce a convincerla a seguirlo. Depresso e in preda all’ira, commetterà un omicidio che lo costringerà a trascorrere la sua esistenza in carcere. Ed è lì che metterà per iscritto la storia sua e della giovane Lola.

COSA NE PENSO IO:

Bello, bello, bello! Una storia sconvolgente e coinvolgente, narrata con abilità e maestria, che tratta, senza paura e senza censure, una passione malsana che sconvolge le vite di tutti. Si può parlare di amore? E’ questo il quesito nascosto, al quale ognuno può dare una risposta personale.

Da leggere assolutamente!

VALUTAZIONE: 10/10

I quattro libri delle piccole donne

piccole-donneNell’ultimo mese dell’orrendo 2016, in prossimità di festività che per me sono ormai un peso di cui disfarmi presto, per farmi ancora più del male ( 😀 ) mi sono immersa nel mondo delle piccole donne della Alcott, dove tutto è perfetto (o quasi) e dove l’armonia regna sovrana. Ho letto, quindi, tutta la quadrilogia.

Il primo capitolo è quello delle “Piccole donne”, secondo me il più bello.

Le sorelle March sono ancora delle ragazzine umili che si divertono insieme e affrontano il momento della crescita sotto la guida della splendida mamma: comprensiva, arguta, onesta e generosa.

La tranquillità familiare è messa in discussione dal ferimento in guerra del capo famiglia. Le donne si stringono le une alle altre per farsi forza e superare la dura prova, ma non perdono la gioia di vivere, la bontà e l’allegria, grazie anche al burbero vicino, Signor Lawrence e al nipote Laurie. E quando tutto sembra andare per il meglio, ecco la malattia di Beth, la più fragile delle sorelle March, ma anche la più generosa.

Ma siamo a ridosso del Natale, un anno è trascorso, la burrasca ha attraversato l’umile casa dei March ed è stata soffiata via dalla generosità di Dio. Per cui il sole comincia a risplendere e i problemi a risolversi.

Si passa poi al secondo capitolo: “Piccole donne crescono”.

Qui ritroviamo tutti i protagonisti più maturi, a partire da Meg, che sposa l’umile contabile Mr. Brooke e si trova alle prese con i primi problemi di gestione familiare.

La splendida Jo, che già aveva mostrato velleità artistiche, si cimenta con le sue prime opere letterarie e il suo primo vero lavoro lontana da casa che segnerà l’incontro con Fritz, suo futuro marito.

Beth mostra ancor di più la sua fragilità e pian piano la sua luce si spegne.

Amy, infine, si dimostra la più raffinata di casa March e finisce con lo sposare Laurie, vedendo avverare così tutti i suoi sogni di ricchezza e felicità.

Il terzo capitolo è dedicato ai “Piccoli uomini”.

Jo ha ricevuto dalla burbera zia in eredità una splendida villa che, con l’aiuto del marito Fritz trasforma in un collegio per ragazzi di tutte le età ed estrazioni sociali. Ciò permetterà a noi lettori di assistere ad una serie di piccole e grandi avventure e piccole e grandi marachelle.

Tra tutti i ragazzi spicca Danny, il ragazzaccio che sarà per Jo e per Fritz una sfida impegnativa.

Il sipario cala con l’ultimo capitolo: “I ragazzi di Jo”, in cui leggeremo i destini dei giovani accolti al collegio e faticosamente allevati da valori morali e impegno eccellenti.

COSA NE PENSO IO:

Si tratta di grandi classici per ragazzi, che prima o poi, anche da adulti, bisogna leggere.

Si viene catapultati in un mondo che a volte sembra un po’ irreale, ma che fondamentalmente non lo è per niente. Queste storie non fanno altro che raccontarci la vita. E la vita è fatta proprio da tutto ciò che è contenuto in questo unico volume: allegria, serenità, turbolenze, impegno, sacrifici, complicità e pazienza.

VALUTAZIONE: 10/10

 

Camera oscura

cameraIl protagonista di questo breve racconto di Simonetta Agnello Hornby è Lewis Carroll, famosissimo autore di “Alice nel paese delle meraviglie”.

In realtà l’autrice cerca di mettere in evidenza un aspetto particolare della personalità di Carroll. Egli era un grande appassionato di fotografia e amava circondarsi di bambine, le quali erano il suo soggetto fotografico preferito.

Tutte le famiglie dell’epoca ambivano al possesso di una foto scattata dal famoso Lewis Carroll ed egli, attraverso una fitta corrispondenza con la famiglia, otteneva il permesso di ritrarle anche nude.

Secondo quanto è noto dalle cronache dell’epoca, tutte le famiglie rimasero contente delle foto scattate alle loro figlie…tranne una.

Ed è da qui che parte l’autrice. In realtà credo si sia solo ispirata a questa vicenda e che poi abbia un po’ romanzato il tutto; sta di fatto che ci narra la storia di questa bambina, ormai giovane donna, e della brusca interruzione del rapporto e delle foto che avevano lei per soggetto.

L’insinuazione è, ovviamente, che ci sia stata una parte oscura in Carroll.

COSA NE PENSO IO:

Non conoscevo questo aspetto dell’autore, lo associavo soltanto alla famosissima Alice letteraria, che tra l’altro ho letto, ma non apprezzato.

Si è rivelata, comunque, una lettura estremamente interessante ed inquietante. Emerge un uomo pieno di sé che richiede agli altri un rispetto che, forse, non ha mai meritato!

VALUTAZIONE: 7/10

Il cacciatore di aquiloni

aquiloniAmir è nato e vissuto in Afghanistan finchè non è dovuto fuggire insieme al padre in America per rifarsi una vita. Nel suo paese d’origine Amir ha lasciato il ricordo di una colpa che non è mai riuscito a perdonarsi, nonostante ormai siano passati molti anni.

Questo ricordo è legato ad un torneo, a degli aquiloni, a dei bulli e ad Hassan, suo fedele amico…ma solo a senso unico.

Un giorno Amir riceve una telefonata da un amico del padre che lo spinge a ritornare a Kabul perchè ha qualcosa d’importante da comunicargli. L’ormai adulto Amir è quindi costretto a fare i conti con il passato e con i segreti di famiglia e a lottare strenuamente per rimediare in qualche modo al suo colpevole silenzio e, infine, riscattarsi.

COSA NE PENSO IO:

Come al solito Khaled Hosseini ci coinvolge con le sue storie afghane: storie di bambini, di adulti, di segreti, di guerra e di violenza, che ci catapultano in un luogo così lontano da noi per questioni di idee, cultura e tradizioni.

Un bel libro sicuramente, che vuole dare un’immagine positiva di una terra martoriata dalla violenza e dagli estremismi religiosi. Ma l’Afghanistan non è solo quello, è un paese fatto di persone semplici, pulite e generose ed è così che sono i personaggi creati da Hosseini.

VALUTAZIONE: 8,5/10

 

 

 

Trilogia della città di K

cittakLa trilogia, pubblicata in un unico volume, si compone (ovviamente) di tre parti: Il grande quaderno, La prova e La grande menzogna.

L’ambientazione è una città dell’est, presumibilmente ungherese come l’autrice, nella quale è in corso una guerra. A causa di quest’ultima, una madre accompagna i suoi gemelli in campagna a casa della nonna affinché lì stiano più al sicuro. La nonna, però, si rivela una donna arida, crudele e avara e in paese si mormora che abbia avvelenato il marito; i gemelli si guadagnano il vitto lavorando duramente nei campi, ma diventano insensibili al dolore.

Nella prima parte della trilogia sono proprio loro che descrivono la vita trascorsa durante la guerra, non risparmiandoci particolari macabri al limite dell’irrealtà, e pongono l’attenzione sul loro legame intenso.

Ma è proprio quando si separano che comincia la seconda parte. Lucas rimane in paese e accoglie in casa una giovane donna e il figlio nato deforme e frutto di un incesto; di Klaus per il momento non sappiamo più niente, solo che è riuscito ad attraversare incolume una frontiera minata. Lucas vivrà per molto tempo nella casa della nonna, ma poi si trasferirà in città dove ha comprato una libreria e dove vivrà una relazione con Clara e un’amicizia con un gerarca del partito politico che guida il paese.

Questa parte si conclude con il suicidio del bambino e il dolore intenso di Lucas per questa perdita. Inizia quindi l’ultimo capitolo della trilogia con l’arrivo in città di Klaus, dopo anni di assenza.

Sarà grazie alla sua voce narrante che  scopriremo un bel po’ di cose….

COSA NE PENSO IO:

Questo è un libro che affascina! Non si può non aver fretta di arrivare alla fine per capirne di più!

La cosa che più colpisce è la prima parte, dove non ci sono nomi – non sappiamo nemmeno quello dei gemelli-, ma questo non ci impedisce di seguire con tranquillità e senza problema alcuno il dipanarsi della vicenda.

Per non parlare dell’idea di base che unisce le tre parti di questa storia, secondo il mio modesto parere è un’idea, a dir poco, geniale.

A parte qualche brano, non posso che essere entusiasta di questa lettura.

VALUTAZIONE: 9/10

 

La ragazza nella nebbia

nebbiaLa storia si apre in una fredda e nebbiosa notte di febbraio, quando lo psichiatra di un piccolo paesino di montagna viene urgentemente svegliato per soccorrere l’agente speciale Vogel.

Ma chi è l’agente Vogel? E’ un agente di polizia noto per aver risolto diversi casi, ma soprattutto è noto per la sua abitudine di “far spettacolo” davanti le telecamere. Ed è proprio delle telecamere  e dei giornalisti d’assalto che Vogel si è servito per condurre, durante le feste natalizie, le indagini sulla scomparsa di un’adolescente, Anna Lou.

Ma le indagini risalgono a qualche tempo prima, perchè l’agente speciale è tornato proprio lì dove tutto è cambiato, anche per lui?

Dal racconto che Vogel farà allo psichiatra, noi lettori assistiamo a tutta l’indagine fatta di poche ricerche effettive e di tante mosse per attirare l’attenzione mediatica sul caso e sulla persona stessa di Vogel, la cui carriera è macchiata da un grande errore. Errore che vuole far dimenticare ai superiori e all’opinione pubblica.

COSA NE PENSO IO:

In questo libro Donato Carrisi ha sicuramente trovato ispirazione dai recenti fatti di cronaca nera italiana e, in parte, è sicuramente un atto di denuncia verso la spettacolarizzazione che oggi si fa intorno alle indagini e al dolore di famiglie inermi.

Tutta l’indagine gioca sul dubbio di colpevolezza che grava su un membro della piccola comunità fin quasi all’ultima pagina. Cosa che ovviamente incuriosisce e porta ad accelerare la lettura del libro.

La storia è, pertanto, ben costruita e i protagonisti ben delineati. Così ci si trova a parteggiare ora per l’uno, ora per l’altro.

Meriterebbe un 6,5, ma il voto lo faccio salire un po’ perchè proprio alla fine è riuscito a farmi esclamare: “Sono proprio tonta! C’erano così tanti indizi lasciati qui e là, che, quest’ultimo fatto, avrei dovuto capirlo prima1”.

VALUTAZIONE: 7,5/10

Un’anima non vile

animaE’ questo il secondo volume della “Trilogia del ritorno” di Fred Uhlman, quindi il completamento della storia di Hans e Konradin che ha preso il via ne “L’amico ritrovato“.

Si tratta di una lunga lettera di Konradin al vecchio amico Hans, scritta qualche giorno prima della sua esecuzione, nella quale egli ripercorre la storia di questa tenera amicizia sbocciata sui banchi di scuola nella Germania nazista.

Konradin racconta e spiega dal suo punto di vista molti episodi del passato, già raccontati da Hans, ma li integra con altri che si sono svolti dentro la sua fastosa casa, all’interno della sua altezzosa e ricca famiglia ariana. E scopriamo, così, che il giovane è stato “pilotato”…

COSA NE PENSO IO:

Anche questo secondo secondo libro è straordinario preso come storia a sé stante, lo diventa ancora di più in quanto ci permette di colmare dei vuoti e di leggere il punto di vista del ricco ragazzino di razza ariana, diviso tra la famiglia, le apparenze e il forte legame con il suo amico ebreo Hans.

Breve e intenso.

VALUTAZIONE: 10/10

L’amico ritrovato

amicoIl piccolo Hans frequenta un prestigioso liceo della sua città. Della sua classe fanno parte una quarantina di ragazzi tra i quali si distinguono alcuni di origine più nobile, rispetto ad altri che appartengono, invece, all’alta borghesia tedesca. Alcuni di essi sono ebrei, altri no.

Un giorno, accompagnato dal direttore, fa il suo ingresso in classe Konradin von Hohenfels, figlio di un ambasciatore. La professione del padre ha dato modo a Konradin di girare per il mondo, di conoscere nuovi luoghi e civiltà e di iniziare una collezione di monete antiche. Passione, questa, che lo avvicinerà ad Hans.

I due all’inizio si studiano reciprocamente, ma entrambi capiscono che diventeranno amici. E così è.

Nonostante le differenze religiose e le ostilità della famiglia di Konradin verso le origini ebree di  Hans, i due ragazzini entrano in perfetta sintonia e passano insieme quasi ogni momento della giornata. Ma improvvisamente le cose cambiano.

Un giorno Konradin si proclama affascinato da Hitler e dalle sue idee di onnipotenza e Hans viene allontanato dal Paese. I genitori hanno capito, infatti, che non può esistere per lui un futuro nell’attuale Germania.

La separazione e le idee politiche di Konradin spezzeranno improvvisamente questo fortissimo legame.

Solo 30 anni dopo ci sarà una svolta inaspettata…

COSA NE PENSO IO:

Breve e intensa storia d’amicizia che ci catapulta nella Germania oppressa dall’ancora nascente ideologia nazista.

Si tratta, senza alcun dubbio, di un piccolo, grande capolavoro della letteratura europea del ‘900. E’ un libro che tutti nella vita dovremmo leggere per imparare, non solo un po’ di storia, ma anche l’importanza di valori come l’amicizia, la lealtà, la libertà e il coraggio, quando serve, di cambiare idea.

VALUTAZIONE: 10/10

Vita di Pi

piPi è il diminutivo di Piscine M. Patel, uomo di origini indiane che ha vissuto un’esperienza straordinaria in mezzo all’Oceano.

La storia si apre parlandoci di un Piscine ancora bambino, il cui unico problema è quello di convivere con un nome alquanto imbarazzante, poichè continuamente storpiato da tutti.

Pi è figlio del proprietario dello zoo di Pondicherry e la sua vita si svolge all’interno di quest’ambiente così particolare e popolato dai più strani e possenti animali. Un giorno il piccolo Pi si avvicina alla religione e scopre di essere contemporaneamente cristiano, induista e musulmano riuscendo ad attirarsi così le prediche e le critiche di tutti i capi religiosi dell’isola. La famiglia di Pi, dall’altro lato, si considera moderna; non è una famiglia induista praticante, ma lo strano comportamento del figlio, seppur considerato bizzarro, non viene ostacolato. In fondo potrebbe aver ragione il piccolo: Dio è soltanto uno.

Il papà di Pi è però contrario al regime politico e, un giorno, la famiglia decide di partire per il Canada. Si iniziano, quindi, a vendere molti degli animali, mentre alcuni di essi saranno imbarcati sul mercantile giapponese che li porterà via dal paese d’origine, verso una vita migliore.

Ma purtroppo il mercantile su cui viaggia Pi, insieme ai genitori e al fratello, affonda a causa, probabilmente, di una esplosione d’origine sconosciuta. Mentre i membri della sua famiglia rimangono sepolti nelle acque dell’oceano, Pi si ritrova, per puro caso, su una scialuppa di salvataggio.

Passata la notte e lo shock del naufragio, Pi si accorge di non essere solo. Sulla scialuppa si trovano anche una zebra ferita, una scimmia e Richard Parker, la maestosa tigre dello zoo paterno.

Il viaggio insieme alla tigre del Bengala si rivela particolarmente complicato…Solo la forza di volontà e la fede in Dio, aiuteranno Pi a sopravvivere.

COSA NE PENSO IO:

Possiamo senz’altro definire questo libro, un libro d’avventura, il quale non è un genere che mi appassiona molto. Nonostante ciò, devo ammettere di essere rimasta coinvolta dalla storia…forse perchè l’autore, prima di dedicarsi all’avventura in mare, mi ha raccontato di Pi, della sua vita in India, delle sue piccole disavventure e della sua religiosità, facendo in modo che mi affezionassi al piccolo uomo, tanto da non poter che tifare per la sua sopravvivenza.
Ovviamente c’è qualche episodio del racconto nauseante, ma per fortuna, ho lo stomaco forte 🙂

VALUTAZIONE: 6,5/10