La vendetta

 E’ la storia di Rocco, un senzatetto che vive sotto un ponte nella città di Firenze. E’ ormai anziano, sporco, senza denti e cerca di sopravvivere recuperando il cibo in mezzo alla spazzatura, proprio come fanno i topi.
Ma la vita di Rocco non è sempre stata questa, c’è stato un tempo in cui aveva una famiglia, un buon lavoro, un buon amico e una splendida ragazza di cui era perdutamente innamorato.
Quando lei lo lascia all’improvviso, Rocco è distrutto e non ne capisce nemmeno il motivo. Com’è possibile che la bella Anita abbia cambiato idea e non lo voglia più vedere? Ci deve essere un motivo! Ed infatti c’è: quello che credeva essere un amico, quello a cui aveva confidato che stava per sposarsi l’ha tradito calunniandolo. Da quel momento comincia a giocare, fino a perdere tutto e a ritrovarsi per strada.
Tutto ciò, che sembrava ormai perso nel passato, torna prepotentemente nella mente di Rocco, il quale decide di vendicarsi, approfittando dell’arrivo imminente dell’uomo in Italia per un convegno di biogenetica. E per far ciò chiede aiuto a Bobo, sopravvissuto agli esperimenti di Mengele durante l’Olocausto.
Bobo, che odia (e con ragione) tutta la razza umana, prende spunto dalla sua esperienza passata per ideare la vendetta…

COSA NE PENSO IO:

Quando ho iniziato questo libro mi sono detta: “Wow! Promette molto bene, sarà una storia da leggere in un soffio!”.
Poi ho continuato la lettura e l’entusiasmo è andato scemando sempre più.

Per quanto mi riguarda, l’autore ha fatto due pessime scelte. Innanzi tutto la mancata divisione in capitoli, che rende la narrazione confusa, e usare il tema “nazismo”, permettendo così a Rocco di passare da protagonista, a semplice “comparsa”.
VALUTAZIONE: 4/10
Annunci

Stoner

William Stoner è nato in una piccola fattoria nel Missouri da genitori semplici e contadini, i quali puntavano sul figlio per continuare la loro attività e cercare di migliorarla. Ed è a questo scopo che gli suggeriscono gli studi universitari di Agraria. William è un bravo figlio, vuole accontentare i genitori ed è così che mette per la prima volta piede all’università nella città di Columbia.
L’università diventa ben presto il suo mondo, soprattutto nel momento in cui egli si rende conto che la sua passione è la letteratura.
Col tempo Stoner diventa lo stimato professor Stoner, ma la sua vita è divisa in due: la vita familiare e quella accademica.

Sì, perchè nel frattempo il buon professor Stoner ha sposato, Edith, una donna incontrata ad una festa e di cui si è subito innamorato. La frequenta un po’ e le propone di sposarla. Lei è titubante, ma poi accetta.

Questo matrimonio diventa immediatamente un incubo per Stoner; Edith è distaccata, sempre depressa e con un lato malvagio. E, se posso aggiungere la mia opinione, completamente fuori di testa. Col passare degli anni Edith diventa sempre più imprevedibile, lo allontana dalla figlia, che riesce a condizionare come fosse una marionetta di legno, e toglie spazio al marito, non solo per ciò che riguarda il ruolo familiare, ma letteralmente lo relega nell’angolo più scomodo e piccolo della casa.

Stoner non è un tipo che scalcia, questo non è nella propria indole, e nella vita matrimoniale non si ribella mai ai comportamenti della moglie, anzi cerca di assecondarla, forse per cercare di mantenerla entro certi limiti. Ma nella vita universitaria è un’altra storia. E’ vero, ci sono dei momenti di passività estrema, ma superati questi, sa anche essere testardo ed ottenere ciò che vuole.

E l’amore, quello vero? Passerà fugacemente nella vita di Stoner, regalandogli i soli momenti di passione e felicità in oltre 40 anni. Ma anche questo è destinato a finire, ad essere ostacolato dal mondo esterno; Stoner deve rinunciare alla felicità con dolore.

E alla fine arriva anche la decadenza fisica e poi la malattia con le ultime pagine che si leggono con le lacrime agli occhi.

COSA NE PENSO IO:

Un libro meraviglioso e amaro che scava nel profondo la personalità e la vita di questo protagonista così attento ai propri principi…così infelice!

VALUTAZIONE: 10/10

La Storia

Mentre la Seconda Guerra Mondiale è in pieno svolgimento, la vita di Iduzza Ramundo subisce un improvviso cambiamento a causa della violenza subita da un giovane soldato tedesco e della conseguente gravidanza. Iduzza è vedova e madre di Ninnuzzu, ragazzino spontaneo e ribelle, e non può confessare la verità per non essere travolta dallo scandalo. Ella, quindi, porta avanti la gravidanza segretamente, così come segretamente mantiene nel suo cuore un’altra verità paurosa, cioè la sua origine ebrea.

Iduzza mette al mondo un altro maschietto, il protagonista di questo meraviglioso libro, capolavoro della letteratura italiana.

Al bambino viene imposto il nome di Giuseppe, ma, a causa della difficoltà di pronunciare il proprio nome, sarà chiamato da tutti Useppe.

Useppe è un bambino solitario, estremamente allegro e particolarmente affezionato al fratello che lui chiama Ino.

La vita di questa famiglia procede con molta difficoltà, come quella di tutti in periodo di guerra, finchè un nuovo stravolgimento complica ulteriormente la situazione: uno dei primi bombardamenti di Roma distrugge la casa dei Ramundo.

Per fortuna tutti i membri della famiglia sono salvi, tranne il fedele cane Blitz ed è con commozione che leggiamo le pagine in cui il piccolo Useppe invoca invano il suo nome “Biiiiiii! Biiiiiiiiiii!”.

A questo punto la storia si sposta in un grande casermone delle campagne romane, dove gli sfollati trovano rifugio. Nuovi personaggi si affacciano nella storia e nella vita di Iduzza e Useppe, mentre Ninnuzzo diventa partigiano e si nasconde tra le montagne e riappare ogni tanto strappando al piccolo Useppe le sue urla di gioia: “Ino! Ino!.

All’interno del casermone Useppe cresce ed è amato da tutti, poi un nuovo trasferimento presso una stanza in affitto.

Intanto la guerra è finita, ma tutti i personaggi ne sono stati travolti e segnati per sempre.

Ida riprende il suo lavoro di maestra e riesce ad affittare un appartamento in cui ricostituire il nucleo familiare.

Ma il destino, ancora una volta, si abbatte inevitabile sulla famiglia: prima la morte di Ninnuzzu e poi le crisi epilettiche di Useppe. Ida comincia ad invecchiare precocemente e il destino di tutti i protagonisti pian piano si compie….mentre la Storia continua.

COSA NE PENSO IO:

Un libro impossibile da commentare, se non con un’unica parola: CAPOLAVORO.
Indimenticabili tutti i protagonisti, ma in particolar modo il piccolo Useppe. Riuscivo ad immaginarlo mentre urlava di felicità: “Ino! Ino!” o mentre passeggiava tra le strade di Roma in compagnia del cane pastore, Bella.
Ritratti indimenticabili anche quelli degli animali che hanno popolato il racconto: Blitz, Peppiniello e Peppiniella, la gatta Rossella e la protettiva Bella.
Peccato solo che l’autrice abbia riservato a tutti i personaggi il ruolo dei vinti.

VALUTAZIONE: 10/10

Zio Vanja

I fatti di questa breve opera teatrale si svolgono tra le mura della residenza di campagna del professor Serebrijakov.

Egli è giunto da poco dalla città insieme alla giovanissima seconda moglie, sconvolgendo la regolarità della vita di campagna…e non solo!

La giovane padrona di casa è riuscita a sconvolgere i cuori di ben due persone: lo zio Vanja, cognato del professore ed amministratore da tanti anni della tenuta, e il dottor Astrov.

Sonja, invece, figlia di primo letto del professore, si strugge d’amore per il dottore.

I sentimenti sono, pertanto, parecchio complessi ed ingarbugliati, anche perchè, sia zio Vanja che il dottore non sono più giovanissimi e credono di aver sprecato la loro vita privandosi da sempre di un grande sentimento come lo è l’amore. Vedono entrambi nella giovane seconda moglie del professore la loro unica possibilità e non vorrebbero sprecarla.

I fatti precipitano quando il professore annuncia di voler vendere la tenuta a causa delle poco agiate condizioni economiche. Zio vanja è furibondo, si sente sfruttato da anni e prova ad uccidere il cognato.

La coppia di sposi è costretta ad abbandonare repentinamente la tenuta.

COSA NE PENSO IO:

Un brillante piccolo testo teatrale che dimostra come l’elemento estraneo rompa tutti gli equilibri e sfiori quasi la tragedia.

VALUTAZIONE: 9/10

Innocente

Il giudice Sabich della Kindle County aspira alla Corte Suprema ed è nel pieno della campagna elettorale quando la moglie muore improvvisamente nel suo letto.

La cosa strana è che il giudice, nonostante sappia benissimo come si debba procedere nei casi di morte improvvisa, decida di rimanere accanto al cadavere per oltre 24 ore prima di avvertire il figlio e poi la polizia. Un comportamento molto sospetto secondo il procuratore Tommy Molto e il suo vice Jimmy Brand, tenuto anche conto che 20 anni prima il giudice fu coinvolto in un altro caso di morte violenta e lo stesso Molto non fu in grado di provarne la colpevolezza.

Iniziano, pertanto, le indagini per capire cosa sia successo e se si tratti di morte naturale o avvelenamento.

Il giudice Sabich dichiara con forza la propria innocenza, ma, dalle indagini, non appare certo una figura così limpida agli occhi dell’accusa.

Il processo si rivela molto complesso…ma solo nelle ultime pagine sarà possibile conoscere tutte le verità relative al caso giudiziario e alle azioni che sono rimaste circoscritte all’interno della complessa famiglia Sabich!

COSA NE PENSO IO:

Un bel legal thriller. La prima parte ci permette di capire le dinamiche familiari, i fatti precedenti alla morte della donna ed i rapporti tra il giudice e il procuratore rimasti in sospeso per oltre 20 anni; la seconda parte, invece, è la ricostruzione del processo con relative presunte ricostruzioni, teorie azzardate, colpi di scena informatici…

Decisamente ben strutturato ed in grado di mantenere la giusta tensione emotiva fino alla fine.

Ben riusciti tutti i personaggi di questa storia, ma la mia preferenza va in assoluto al giudice Yee, capace di strappare diversi sorrisi.

VALUTAZIONE: 8/10

L’amica geniale

Raffaella ed Elena, o meglio Lila e Lenù, sono due amiche cresciute nello stesso quartiere popolare di Napoli. Ed è Elena, ormai adulta, che adesso ripercorre le varie tappe di questa intensa e lunga amicizia.

Entrambe le protagoniste erano parte di una famiglia umile e numerosa: Elena è figlia di un usciere del comune, mentre Lila di un calzolaio. Inoltre, fin in tenera età, si sono dimostrate entrambe molto intelligenti e portate per lo studio, soprattutto era Lila a brillare su tutti i compagni di classe e dell’intero istituto scolastico.

Ma siamo nel dopoguerra, e per di più in un quartiere popolare, ed anche lo studio diventa qualcosa di complesso; grazie alle intercessioni della maestra, che riesce a convincere i genitori, soltanto Elena potrà continuare la scuola.

A quel punto Lila sembra destinata a rimanere ignorante ed imprigionata in un rione popolare dove regnano alcune figure camorriste, ma lei non si arrende e cerca sempre di essere un passo avanti all’amica Lenù: si procura i libri in biblioteca e continua il suo percorso verso la cultura. E’ in questo momento inizia un periodo ambiguo in cui sembra nascere una sorta di rivalità tra le due ragazze e in cui Lila sembra mostrare tutta la sua cattiveria.

Ma il tempo scorre…Lila comincia ad aiutare il padre e il fratello nella bottega sognando anche la realizzazione di scarpe, che lei stessa disegna, per trasformare il piccolo negozietto in una piccola e vivace fabbrica di scarpe e Lenù continua il suo percorso di studi eccellendo al liceo.

Poi cominciano i primi amori, Lenù si innamora di Nino Sarratore, ma lo sfugge per cercare di dimenticare l’atteggiamento del padre di lui nei suoi confronti. Lila è quasi costretta a sposare uno dei ragazzi prepotenti del quartiere, ma riesce a liberarsi di lui e a sposare Stefano, il ricco titolare del salumificio, in cui vede la possibilità di fuga dalla povertà.

Ma è proprio il giorno delle nozze che Lila si chiede se non abbia commesso un errore credendo Stefano diverso dagli altri ragazzi frequentati nel rione ed un errore ancora più grosso ad aver messo da parte la sua passione per l’istruzione, rimanendo, così, prigioniera di un quartiere e di una vita che hanno già vissuto le altre ragazze e la sua stessa madre.

Simili riflessioni sono quelle di Elena, ma lei ha già deciso che dovrà fuggire via e cercare di migliorarsi.

COSA NE PENSO IO:

Avevo letto pareri discordanti su questo libro dell’enigmatica Elena Ferrante e, come sempre, ho deciso che era arrivato il momento di farmi un’idea personale.

A me non è dispiaciuto affatto, anche perchè adoro le storie d’amicizia e adoro seguire le vicissitudini e le evoluzioni delle vite dei protagonisti in un lungo arco temporale. A me sembra scritto bene e, oltre alla storia in sé, ricostruisce perfettamente e con estremo realismo la vita di quartiere dove tutti si conoscono e sono partecipi nelle vite altrui.

Tra tutti i personaggi, mi è piaciuto particolarmente quello della maestra Olivieri che cerca, per quanto sia possibile, di tenere sotto la sua ala protettrice le sue alunne migliori per dar loro una opportunità di vita migliore e di insegnare sempre qualcosa, anche da vecchia e con le sue brusche maniere.

E adesso, naturalmente, mi toccherà proseguire la lettura dei prossimi volumi! 🙂

VALUTAZIONE: 8/10

Bartleby, lo scrivano

La voce narrante di questo racconto di Melville è un legale di New York, il quale, per il proprio lavoro, si serve di tre copisti abbastanza particolari.

Quando il lavoro si fa più impegnativo, egli mette un annuncio sul giornale per assumere un altro copista. Ed è a questo punto che compare sulla scena Bartleby, uomo silenzioso, ma dedito al lavoro.

I giorni trascorrono senza imprevisti né scossoni, finché il legale non chiede a Bartleby di rileggere, per effettuare i dovuti controlli di copiatura, uno dei tanti documenti stilati dallo stesso copista. Incredibilmente arriva la risposta più curiosa: “Preferirei di no!”.

Tale risposta è pronunciata dall’uomo, ogni qualvolta gli si chiede qualcosa che vada oltre il lavoro di copiatura. Il legale, sbalordito, comincia ad osservare attentamente il proprio dipendente e scopre che egli non parla con nessuno e che non lascia mai l’ufficio. Avendo capito che si tratta di un uomo solo, decide comunque di tenerlo al proprio servizio.

Ma la situazione è destinata a peggiorare, i “Preferirei di no!” diventano sempre più frequenti, fino a che egli rifiuta persino di eseguire il suo monotono lavoro, rimanendo tutto il giorno in piedi davanti alla finestra dell’ufficio.

Il legale non sa come liberarsi di Bartleby e capisce che l’unica soluzione è cambiare sede e lasciare Bartleby in quell’angusta stanzetta.

Ma non riuscirà a liberarsi del “problema” pratico e di coscienza, fino al tragico epilogo finale.

COSA NE PENSO IO:

Ammetto che temevo un po’ la lettura di questo racconto lungo, in quanto mi sono “scontrata” precedentemente con il mostro sacro di Melville ed ho miseramente fallito l’impresa abbandonando la lettura molto presto.
Ma quest’opera mi è piaciuta. All’inizio l’ho trovata molto divertente e il personaggio mi trasmetteva, oltre che simpatia, molta curiosità. E chissà che epilogo imprevedibile mi aspettassi!
Invece alla fine c’è una deviazione repentina verso la tragicità, la quale porta a provare ancora più empatia nei confronti di questo strambo personaggio perennemente legato ai suoi “Preferirei di no!”.
Divertenti anche le figure degli altri 3 copisti, tratteggiate perfettamente con estrema ironia.

VALUTAZIONE: 10/10

Ho sognato la cioccolata per anni

In questo libro l’autrice ci racconta la proprie tragiche esperienze negli anni del nazismo.

Il libro si apre con l’arrivo al lager e con lo smistamento approssimativo da parte dei medici nazisti. A quel tempo Trudi è una ragazzina in salute, seppur provata dagli eventi, e, pertanto, viene smistata tra coloro che sono costretti ai lavori forzati; la madre di Trudi appare, invece, una donna sofferente e incapace al lavoro e viene, quindi, destinata verso i forni crematori.

Trudi è sconvolta da questa separazione, ha già dovuto subire l’uccisione del padre e di altri familiari, la segregazione al ghetto, le follie dei tedeschi che uccidono o salvano in base all’umore e non vuole separarsi dalla madre, assolutamente no!

Rischiando di venire scoperta e destinata anche lei ai forni crematori, riesce ad intrufolarsi attraverso la rete che la separa dalla madre e, dopo uno scambio veloce dei vestiti, a tornare insieme a lei verso il medico per una seconda ispezione, alla quale miracolosamente riescono a passare indenni.

Da quel momento inizia un tragico periodo caratterizzato dalla fame, dal freddo, dal dolore personale e di quello di chi le circonda, da un lavoro estenuante aggravato dalla debolezza fisica…

Nonostante ciò Trudi non si perde mai d’animo, ma ammette lei stessa che la sua sopravvivenza e quella della madre è dovuta anche a parecchia fortuna, a Dio e al fatto di essere stata protetta da qualche gerarca. Per pietà? Per un attimo di debolezza? Per capriccio? Chissà!

Dal campo di concentramento, per fortuna, Trudi e la madre riescono ad uscire vive, ma non è stato così per milioni di altre persone.

Dopo la guerra Trudi non si sente più tedesca e, pur comprendendo razionalmente che non tutti i tedeschi sono uguali tra loro, non riesce più a considerare quella terra, la sua terra. Ed è così che decide di stabilirsi in Israele, dove prosegue nelle sue attività di aiuto nei confronti degli ebrei e dove non è più costretta a soffrire la fame e a sognare una tazza di cioccolata bollente.

COSA NE PENSO IO:

Non ci sono parole per commentare queste storie. Ognuna di esse contiene sempre qualche informazione in più che fa accapponare la pelle.

Non si finisce mai d’imparare che la bestialità umana, spesso, non ha limiti.

VALUTAZIONE: 10/10

Il colore della neve

Trixie è la figlia adolescente di Laura, un’insegnante di letteratura che tiene corsi molto seguiti sulla Divina Commedia di Dante, e di Daniel, un fumettista cresciuto in Alaska e con un passato di violenza e sregolatezza.

La vita di Trixie e di tutta la famiglia è sconvolta il giorno che la ragazza subisce una violenza sessuale dal ragazzo che crede l’amore della sua vita.

Trixie, un po’ per lo shock e un po’ per paura che possano venire a galla degli episodi che la riguardano e indurre gli adulti a non crederle, inserisce nel proprio racconto un po’ di bugie, che nel corso delle indagini le si rivolteranno contro.

D’altra parte il paesino in cui la famiglia vive è una piccola comunità in cui tutti si conoscono e lo stupratore è una stella dello sport dal futuro splendente e quindi la sentenza pubblica è una soltanto: impossibile che sia stato lui, impossibile che Trixie abbia subito violenza, sta mentendo per punirlo di averla lasciata.

Cominciano le indagini, mentre Trixie è costretta a sopportare le occhiate, le chiacchiere, gli “scherzi” e le calunnie sussurrate.

Poi il cadavere dello stupratore è trovato sotto un ponte con addosso sangue e capelli della giovane.

Iniziano i dubbi e una fuga verso l’Alaska che si concluderà con la scoperta di tutte le verità e di tutti i segreti che ognuno dei protagonisti ha tenacemente nascosto.

COSA NE PENSO IO:

E’ il secondo libro di Jodi Picoult che leggo e ho ancora voglia di leggere altre sue storie.

Ha un modo di scrivere che mi piace, sa raccontarci le problematiche e il caos che regna in età adolescenziale con abilità, tanto che, spesso, non sai se parteggiare per la vittima o per il carnefice; ti tiene sulle corde fino all’ultimo secondo e non è affatto escluso che la fine della storia non ribalti tutte le tue ipotesi.

VALUTAZIONE: 8/10

Porte aperte

La storia narrata dal mio conterraneo, Leonardo Sciascia, si svolge nella Sicilia degli anni ’30, quando il fascismo impera con le sue ideologie assurde e la violenza.

Il protagonista di questa storia è il “piccolo giudice”, il quale deve presiedere un processo in cui l’imputato è accusato di triplice omicidio. Ma il problema non è che l’imputato abbia ucciso 3 persone, tra cui un esponente fascista! E’ ovvio che sarà condannato, ma dall’alto arriva l’ordine perentorio e poco mascherato di condannare l’imputato alla pena di morte.

In fondo è il periodo in cui è possibile vivere con le “porte aperte”, in cui l’ordine regna rigido e sovrano. L’applicazione della pena di morte non farà altro che confermare questi principi!

Ma “il piccolo giudice” non si lascia influenzare, a costo di rovinarsi la carriera in modo consapevole, non può andare contro ai propri principi e sarà in grado con i soli argomenti giuridici di contribuire ad emettere una sentenza giusta.

Ma servirà tutto questo? All’imputato certamente no, ma il giudice potrà vantare una coscienza pulita, seppur contaminata dalla paura.

COSA NE PENSO IO:

Come al solito, Sciascia racconta la sua Sicilia senza veli, ma lo stile narrativo che ha scelto è un po’ ostico e rende la lettura un po’ pesante.

Pertanto, pur apprezzando sempre l’autore ed anche la storia nel suo complesso, non posso dire di essere rimasta particolarmente folgorata.

VALUTAZIONE: 7/10