Il bambino di Noè

Come evidenzia il titolo, il protagonista di questo libro-gioiello è un bambino di 8 anni, Joseph.
Joseph fa parte di una famiglia ebrea belga, che è costretta a lasciare la propria casa, la propria città, per sfuggire agli arresti e alle persecuzioni dei nazisti.
I genitori di Joseph sono pronti a rischiare le proprie vite, ma non possono permettere che questo accada al loro figlioletto; lo affidano, quindi, ad una nobile famiglia, che lo accoglie e lo protegge per un po’, facendolo passare per il loro nipotino.
Purtroppo i nazisti sono molto pericolosi e i controlli casa per casa sempre più frequenti; è necessario che Joseph sia affidato a mani più sicure, e quali sono migliori di quelle del prete cattolico Pons?
A Joseph vengono fabbricati documenti falsi dalla farmacista del paese, mangiapreti e antinazista, per poi essere ammesso come interno al collegio gestito dallo stesso padre Pons. Joseph instaura con il prete un rapporto molto stretto e, d’altro canto, Padre Pons è un uomo speciale, che non sopporta l’estinzione dei popoli e delle loro credenze religiose. Si trasforma, quindi, in un moderno Noè, che deve salvare le tradizioni ebraiche e la lingua di questo popolo così sfortunato. Se sarà in grado di farlo, le sue conoscenze potranno essere trasmesse ai sopravvissuti e il popolo con le proprie tradizioni non sarà mai sopraffatto!
Joseph scopre il nascondiglio segreto in cui padre Pons si rifugia di nascosto per studiare e conservare gli oggetti delle sue emblematiche collezioni e, raggiungendolo ogni notte, impara molto sia sull’ebraismo, che sul cattolicesimo.
Proprio quando i nazisti scoprono l’identità dei bambini ebrei nascosti nell’orfanotrofio e sono pronti a deportarli in Germania, la guerra finisce, i partigiani intervengono in soccorso dei bambini ed è necessario ricominciare a vivere.
Nell’attesa che gli ebrei superstiti ritornino a riprendere i loro figli, Joseph è, a volte, trepidante di emozione, altre deluso e depresso per non vedere giungere i propri genitori. Quando questo accade, sarà difficile per lui allontanarsi dal proprio benefattore per tornare alla propria vita di tutti i giorni!
Anche da adulto Joseph seguirà gli insegnamenti di padre Pons e prenderà il suo posto come…Noè!
COSA NE PENSO IO:
Una storia davvero commovente in cui emergono personaggi sublimi, coraggiosi e coerenti con i propri ideali, che esaltano l’importanza della convivenza pacifica nonostante ideali, tradizioni e religioni diverse; in fin dei conti bastano solo un po’ di buon senso, di solidarietà e molto, molto rispetto!
Difficilmente i libri di Éric-Emmanuel Schmitt possono deludere il lettore!
VALUTAZIONE: 10/10
Annunci

One thought on “Il bambino di Noè

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...