Le notti bianche

nottiUna notte nella città di Pietroburgo un uomo passeggia in solitudine, ma è proprio allora che incontra una giovanissima Nasten’ka; i due protagonisti si accompagneranno durante le loro notti bianche per quattro giorni.

Durante questi incontri e dalle loro conversazioni, noi lettori veniamo a conoscenza delle loro storie.

L’uomo è un sognatore, un uomo che vive in solitudine, incapace di rapportarsi con gli altri e di stringere rapporti d’amicizia.

Lei è una giovanissima ragazza che vive insieme alla nonna cieca, innamorata di un giovane affittuario della nonna. Quest’ultimo, un anno prima, le ha promesso il matrimonio, ma non prima di essere tornato da un viaggio ed essersi creato un futuro.

Adesso l’anno è trascorso, lui è tornato e Nasten’ka, in compagnia del sognatore, lo aspetta da giorni a quell’appuntamento fissato un anno prima.

Intanto in queste poche notti Nasten’ka ha acceso anche il cuore del sognatore e, ormai delusa, decide di legarsi all’uomo, ma ecco arrivare il suo innamorato…Cosa farà adesso Nasten’ka? Beh, “Al cuor non si comanda”, afferma un famoso detto popolare.

COSA NE PENSO IO:

Breve cronaca dell’incontro di due caratteri opposti: la timidezza e l’essere schivo dell’uomo con l’espansività e la comunicatività della giovanissima donna, che al contrario di lui, ha bisogno dell’amore per vivere con pienezza la sua vita.

Delicato e intenso racconto di un attimo di illusione.

VALUTAZIONE: 9,5/10

 

Annunci

12 thoughts on “Le notti bianche

  1. Bel commento, @Lectry …. ne debbo qui convenire!
    Ma, avendo spulciato tutto il tuo pulciaio con scrupoloso rigore, constato che anche questo autore e questo commento l’ avevi già pubblicato, ergo (ri)beccati questo :
    RICICLONA ! ;mrgreen:

  2. Bel commento, @Lectry …. ne debbo qui convenire!
    Ma, avendo spulciato tutto il tuo pulciaio con scrupoloso rigore, constato che anche questo autore e questo commento l’ avevi già pubblicato, ergo (ri)beccati questo :
    RICICLONA ! :mrgreen:

  3. Ma ci sei andata o no al mare ???
    Guarda che, chi tace, acconsente … e quindi devo intuire CHE CI SEI ANDATA ! 😀
    E quei fustacci c’ erano ???
    E Tu, ehm …. hai fatto come ti avevo consigliato ?!?
    Ricordati @Lec, che il proverbio dice : CHI ACCHIAPPA SUBITO, ACCHIAPPA DUE VOLTE !!! :mrgreen:

  4. E quei fustacci …. ti ammirarono, come si ammira una venere uscita dall’ acqua mentre si scrolla i capelli ????
    Dicci dicci ….. dicci : che accadde ??? 😀

  5. Timida, fosti ?!? 😯
    Oppure avevi indossato un costume tutto intero che copriva le tue procacità veneree e, dunque, c’ era ben poco da ammirare da parte di quei fustoni vogliosi??? 😯
    Guarda che a Roma siam soliti dire che : “GNI’ LASSATA E’ PERSA” …. e ‘u firribbòtte, quann’ è partito …. mica ritorna ‘ndjetro ! 😦

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...