Niente resurrezioni, per favore

niente“Niente resurrezioni, per favore” chiude la trilogia del ritorno di Uhlman.

Questa volta il protagonista è Simon Elsas, anch’egli ebreo come Hans, e anch’egli fuggito dalla Germania nazista.

Simon è un altro dei compagni del Liceo di Stoccarda frequentato da Hans e Konradin. Dopo vent’anni dall’epoca della fuga precipitosa dalla terra natìa, Simon, ormai affermato pittore, avverte l’impellente necessità di tornare nella sua città, di ripercorrerne le note strade e di ritrovare la donna di cui era pazzamente innamorato.

Ma il ritorno a Stoccarda non è esattamente tranquillo. Elsas incontra dei vecchi compagni che gli impongono un tuffo forzato nel passato e, pian pianino, si rende conto che la sua vita ormai è da tutt’altra parte. Non c’è niente che possa essere riesumato…

COSA NE PENSO IO:

Anche quest’ultimo libro è un piccolo grande capolavoro della letteratura del ‘900, ma l’ho trovato abbastanza slegato dai due volumi precedenti. Mi aspettavo di trovare altro in queste pagine ed, in tal senso, sono rimasta delusa.

VALUTAZIONE: 9/10

 

 

Annunci

10 thoughts on “Niente resurrezioni, per favore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...