Stabat mater

stabatCecilia è stata abbandonata presso l’Ospedale della Pietà di Venezia ed è, naturalmente, lì cresciuta insieme ad altre ragazze di ogni età.

Nella Venezia degli inizi del Settecento, l’istituto, gestito dalle suore, è molto prestigioso, anche perchè ospita una prestigiosa orchestra femminile della quale fa parte anche Cecilia e riceve donazioni dai benestanti signori della città.

Cecilia avverte un vuoto incolmabile dentro di sé, vorrebbe conoscere la madre che l’ha abbandonata e capire il perchè di questo gesto per lei assolutamente incomprensibile. Ed allora comincia a scriverle tutta una serie di lettere in cui le parla di sé, permettendo, così, anche a noi lettori di conoscerla a fondo.

Un giorno un nuovo maestro, Antonio Vivaldi, assume la direzione dell’orchestra e, contemporaneamente, diventa decisivo nella scelta finale di Cecilia.

COSA NE PENSO IO:

Il libro è decisamente affascinate, ma perde un po’ di smalto alla fine della storia. Gli sviluppi finali diventano, secondo me, un po’ contorti e confusi.

Però Cecilia è sicuramente un personaggio ben riuscito, anche se spesso può risultare insofferente e, a volte, indolente. Per certi versi mi ha ricordato la Maria di “Storia di una capinera” di Verga.

VALUTAZIONE: 7/10

Annunci

5 thoughts on “Stabat mater

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...