Tre volte no

tre volteBoris Pahor è un autore le cui opere sono rimaste sconosciute qui in Italia fino a qualche anno fa. Eppure egli è nato a Trieste.
Ma è nato in un periodo difficile, un periodo in cui Trieste era una città di confine: era stata da poco annessa all’Italia e si stava affermando il fascismo.
Pahor è di origine slovena, si sente sloveno, parla sloveno e non accetta l’italianizzazione forzata posta in essere dal governo fascista. Da questo processo forzato rimane danneggiato, non riesce ad apprendere in una lingua diversa, non rende, è preso in giro per gli sbagli che commette nel comporre in italiano.
Deve pertanto lasciare la scuola e ripiegare nel sacerdozio.
Ma poi scoppia la seconda guerra mondiale e lui fa parte di una minoranza etnica, quindi viene deportato nei campi di concentramento…
In questo libro, come potete dedurre facilmente, l’autore ripercorre tutta la sua vita, dalla nascita fino alla sua esperienza giornalistica e letteraria che si svilupperà dopo la fine della 2° guerra mondiale, un’attività che ha come unico scopo la denuncia delle violenze delle dittature.

COSA NE PENSO IO:

Un testo molto interessante da leggere per imparare.

VALUTAZIONE: 8/10

Annunci

3 thoughts on “Tre volte no

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...