Rosa candida

downloadIl protagonista di questa storia è Lobbi, un ragazzo islandese ventiduenne, il quale, dopo una notte trascorsa con Anna si ritrova padre di una bimba.

I due genitori sono giovanissimi, non sono mai stati fidanzati, quindi ognuno prosegue la sua vita. Lobbi assiste alla nascita della bambina, ma non sa esattamente come comportarsi…Anna in fondo è solo una sconosciuta e non gli ha chiesto niente!
Lobbi ha ereditato dalla madre la passione per i fiori e il giardinaggio e sa dell’esistenza di un monastero e di un giardino che raccoglie un enorme numero di specie diverse di rose; scrive quindi al monastero e si offre di lavorare al giardino per rimetterlo in sesto. Ricevuto l’invito dei monaci ad andare, compra un’auto usata, racimola tutti i suoi risparmi, lascia il padre, il fratello gemello autistico e anche la figlia, per ritrovarsi in un piccolo paesino all’estero, arroccato in cima a un monte, dove si parla uno strano dialetto.
Lobbi è accolto da padre Tommaso, grandissimo appassionato di cinema d’autore. Ha una grandissima raccolta di videocassette, ogni sera guarda un film diverso e usa questa sua passione come mezzo di comunicazione.
Quando comincia ad ambientarsi al paesello, che tra l’altro non viene specificato dove si trova e dà al lettore la sensazione di un posto dove il tempo si sia fermato, Anna si rifà viva…
COSA NE PENSO IO:
Il libro è l’opera prima di Audur Ava Olafsdottir, autrice islandese. E’ una storia scritta con linguaggio semplice, che racconta cose semplici, ma allo stesso tempo importanti. Sì, perchè ci parla di un percorso di crescita di un ragazzo giovane, il quale deve affrontare il passaggio imprevisto da figlio a genitore.
VALUTAZIONE: 7/10
Annunci

2 thoughts on “Rosa candida

  1. @Lectry cara …. sulla valutazione del libro islandese, più o meno sono d’ accordo con te, ma non è questo che mi interessa ora ! 😐
    Piuttosto …. sei passata da @Antonella per vedere se ha bisogno del tuo aiuto ?!?
    Questa amica siciliana, è mooolto discreta e tiene le cose per sè, soprattutto quelle che la fanno soffrire …. ed è quindi necessario capirla anche “senza parole esplicite” da parte sua ! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...