Il muro invisibile

downloadQuesto è il primo libro attraverso il quale Harry Bernstein ripercorre la sua storia e quella della sua famiglia.

Harry, spentosi nel 2011 all’età di 101 anni, apparteneva ad una famiglia ebrea stabilitasi a Manchester in una strada costituita da due schiere di abitazioni, una per gli ebrei e una per i cristiani. Ogni famiglia sapeva tutto delle altre, ma era impossibile una frequentazione tra cristiani ed ebrei poiché al centro della strada sembrava esserci un muro. Ma, come dice l’autore stesso nel titolo, era un muro invisibile, un muro di pregiudizi!

All’epoca dei fatti narrati, Harry era solo un bambino, uno dei più piccoli di una numerosa famiglia con un capofamiglia violento e una mamma che deve inventarsi mille espedienti per sopravvivere.

Harry racconta le umiliazioni subite, le vicissitudini della famiglia, i pregiudizi, gli anni della guerra e il grande sogno della madre di trasferirsi in America per sfuggire alla povertà.

Ma soprattutto ci racconta dell’amore contrastato da motivi puramente religiosi tra la sorella Lily e Arthur, che si rifiutano di adeguarsi alle imposizioni e alle credenze.

E i due “schieramenti religiosi” sono destinati a mescolarsi….

COSA NE PENSO IO:

E’ un ottimo libro! Un libro che non solo racconta dei fatti realmente accaduti, ma che sa emozionare.

Un brivido è corso lungo la schiena quando, dopo il matrimonio tra i due giovani, la madre dell’autore piange la figlia come se fosse morta e vive giorni di lutto. Assolutamente raccapricciante ed incomprensibile.

VALUTAZIONE: 10/10

Annunci

13 thoughts on “Il muro invisibile

  1. DIN DON … DIN DON … DIN DONNNNNN …. 😀 (NB : suono di campane a festa)
    Finalmente un libro che non nasce dalle voglie assurde di taluno/taluna di “farsi scrittore/scrittoressa”, benchè non glielo abbia imposto il medico curante, mooolto ben sostenuto/sostenuta da raccaproccianti campagne pubblicitarie … ed appoggiato/appoggiata da interessatissimi “tam tam salottieri e/o e-bookkali” di editori senza scrupoli intenzionati ad arricchirsi purchessia !
    Intendiamoci, qui non stiamo parlando di un capolavoro letterario tale da mozzare il fiato …. ma non c’ è dubbio che questo libro è un’ opera onesta, autenticamente sentita dal suo longevo autore ed ispirata da sentimenti alti e nobili : e dunque, per come vedo io le cose, “da leggere” !

  2. Questa lettura la rimandavo da almeno un paio d’anni, da quando, per puro e semplice caso, mi sono ritrovata tra le mani “Il sogno infinito”, il secondo capitolo dei racconti familiari di Bernstein. In quella seconda parte racconta il sogno americano della madre finalmente realizzato. Direi che è stato proprio un tributo alla figura materna che tanto si è prodigata per questi figli, pur commettendo errori strada facendo!

  3. Ti capisco, sai ? … cara ed affettuosa @Lectry … ah se ti capisco !
    Perchè credo, con una fede incrollabile, che sono i libri a chiamarci ed a pretendere che li leggiamo ( o li rileggiamo ….. anche più volte, e talora perfino ‘ad alta voce’, quando trattasi di poesie ) in un preciso momento della nostra esistenza …. e se sono “libri veri” o ci rasserenano, o ci rendono pacatamente felici, o ci commuovolo lavandoci dentro delle nostre vigliaccherie, o ci danno una visione non inutile delle cose …. sempre facendoci sentire con forza che non siamo soli in questa terra opaca e immisericordiosa, e seppure furono tanti, e tantissimi sono ancora, i cialtroni, ebbene non pochi furono, e grazie a Dio ( o agli Dei ) sono ancora, coloro che tennero accesi nel cuore ideali purissimi, battendosi a che il mondo divenisse, non perfetto, ma perfettamente mai stanco di conoscersi e migliorarsi ! 🙂

  4. intendevo che, appena letto il secondo libro, ho pensato che dovevo assolutamente leggere il primo per colmare le lacune su questa famiglia.
    E adesso ho scoperto che c’è un terzo libro e uno dedicato alla sorella Rose.

  5. Ma certo che lo troviamo qualche “LIBRO” !
    E’ solo quando ci proponi …. mucchi di pagine che sarebbe improprio chiamare “libri”, essendo solo per lo più fogli di carta riempiti alla sanfasòn, o scritti con l’ alluce purchessia …. che scatta il disaccordo fra noi due ! :mrgreen:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...