Amok

ZweigAmok è una breve novella di Stefan Zweig che catapulta il lettore nel 1912 in India, dove, a quel tempo, sono state fondate colonie olandesi .
La novella si apre con la voce narrante che descrive un misterioso incidente verificatosi di notte al porto di Napoli, dove ha fatto scalo la nave sulla quale egli era imbarcato di ritorno dall’India.
Ed è proprio su questa nave che la voce narrante incontra un medico olandese, che ha svolto la sua professione per sette anni in India e adesso sta tornando in patria. L’uomo appare strano, turbato da qualcosa di molto importante che gli è accaduto in quella terra così lontana da casa e in cui ha vissuto quasi isolato per molto tempo.
E infatti è proprio così. L’uomo comincia a raccontare per una notte intera sotto la luce della luna….
Ma cosa vuol dire amok, questa parola che dà il titolo alla novella e che mi ha incuriosita molto? Lo spiega l’autore stesso nella nota di copertina: “Amok” è una parola malese che significa follia rabbiosa. Chi è in preda all’amok non si rende conto delle sue azioni poichè la sua mente è offuscata dalla rabbia insensata che non è paragonabile a nessuna intossicazione alcolica.
E, in certo qual modo, questo è quello che succede al medico olandese.
COSA NE PENSO IO:
Devo dire che questo breve libro mi è piaciuto molto. E’ scritto in modo superbo e risulta molto particolare: non conosciamo i nomi di nessuno dei personaggi, né dei luoghi esatti in cui si svolgono i fatti narrati.
L’atmosfera è un po’ cupa, ma si viene proiettati in un mondo antico dove salvare le apparenze è più importante che morire.
Davvero una bella prova narrativa!
VALUTAZIONE: 9/10
Annunci

8 thoughts on “Amok

  1. Sì … ma mi aspetto, per avermi Tu intrattenuta su quel logoro terzetto decarliano,, almeno una mezza dozzina di “cannoli siciliani” ! :mrgreen:

  2. Nooooooooooono, @Lectry carissima, nessuna tangente ! 😯
    E’ il mio stomaco, che, dopo esser stato offeso dalle scemate del logoro DI NOI TRE 😯 NECESSITA, tramite l’ avido gargarozzo, di qualcosa di sostanzioso, di deliziosamente efficace ad eliminare i suoi cupi borgoritmi ! :mrgreen:
    O, se preferisci, tornando al serio …. è la malinconia suscitatami dalla vita disperata di @Stefan Zweig, che, dopo infinite traversie in giro per il mondo ed innumerevoli peripezie esistenziali, lo portò ad uccidersi, lui appena cinquantenne, insieme alla giovane seconda moglie, lontano dalla sua amatissima Austria e da quel mondo romantico e ideale della Mitteleuropa ormai tramontato, dopo la sconfitta rovinosa dell’ Austria nella 1^ Guerra Mondiale e la successiva, drammatica ascesa al potere, con la sua orrida diffusione in tutt’ Europa, del sanguinario nazismo !
    Un grande Scrittore …. un uomo disperatamente amaro, così interessante da leggere, sebbene così triste ! 😦

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...