La campana di vetro

la-campana-di-vetro-winceMi sono imbattuta per caso in questo romanzo, in parte autobiografico, di Sylvia Plath, poetessa statunitense.

L’autrice si nasconde dietro la figura della protagonista del suo romanzo, Esther.

La storia si svolge nella prima metà degli anni ’90. Esther è una giovane e colta ragazza vissuta in una piccola cittadina, che si mantiene agli studi grazie a una serie di borse di studio e che ama imparare, leggere e scrivere. Grazie ad una di queste borse di studio, si ritrova ad essere catapultata in una grande città insieme ad altre ragazze provenienti da ogni parte degli USA per un lavoro presso una rivista dell’epoca.

Ed è proprio in quella grande città che vengono fuori i primi segni di un malessere interiore molto profondo. Esther comincia a pensare di essere chiusa in una campana di vetro e che l’unica via di fuga possa essere il suicidio.

E ci prova a porre fine alla sua vita!

Viene quindi ricoverata in una sorta di manicomio e sottoposta a terapia estrema, l’elettroshock.

COSA NE PENSO IO:

Onestamente ho trovato questo libro angosciante. Non so…Probabilmente non era il momento giusto per leggerlo, ma non vedevo l’ora di arrivare all’ultima pagina e passare ad altro.

Obiettivamente però è scritto bene, nonostante qualche salto temporale che destabilizza un po’.

VALUTAZIONE:  7/10

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...